Pignoramento immobiliare? Datti una mossa e trova una soluzione!

pignoramento immobiliare

Lo sanno anche i muri (della tua casa), se è arrivato quel maledetto pezzo di carta (pignoramento immobiliare). NON c’è più niente da fare.

Non puoi venderla, non puoi affittarla, non puoi intestarla alla figlia di 6 mesi, ne darla in usufrutto al figlio di 6 anni. Punto.

Ma siamo in Italia e tutto è interpretabile e sopratutto negoziabile, anche il pignoramento immobiliare.

Sempre che ti muovi per tempo. Per dirtela in parole chiare ed esplicite: devi muovere il culo, ed in fretta anche!

Non puoi arrivare a 10 gg prima dell’asta, con la strizza che ti annebbia il cervello, e pretendere di trovare un acquirente pronto a comprare il tuo immobile pignorato e liberarti dai creditori.

NO, NO.. non funziona così.

Vediamo di capirci.

Il modo per “vendere” il tuo immobile pignorato esiste: si chiama saldo e stralcio.

Lo avrai sicuramente già sentito, magari hai anche letto un po’ di roba al riguardo e magari sono stati chiari a spiegalo.

Non voglio ripeterti le stesse cose.

Vorrei invece insistere su un aspetto importantissimo di questo tipo di soluzione:

il tuo, naturale, rifiuto ad accettare la realtà, e sperare che in qualche modo riuscirai a cavartela.

Siamo tutti “ottimisti” quando ci troviamo nella c***a, c’è una parte del nostro cervello che si rifiuta di accettare razionalmente la realtà, è come la storia della rana che viene cucinata facendo salire la temperatura dell’acqua fino a bollire….ricordi? NON si accorge di niente fino a che non è troppo tardi.

E’ “naturale”. Succede tutte le volte. E’ successo anche a me. (magari in un’altro post ti spiego meglio)

Ma questo meccanismo che ci “preserva” di fatto non ci aiuta, anzi.

La nebbiolina soporifera in cui il cervello si isola, viene spazzata via quando i nel ventilatore ci finisce la merda (questa volta niente **).

Detto questo, se ti trovi in difficoltà e il tuo immobile è stato pignorato, ti auguro con tutto il cuore di riuscire con le tue forze a risolvere la cosa.

Invece se sei certo di non farcela; sai che NON puoi farcela, allora è meglio che segui questi suggerimenti.

quale soluzione al pignoramento?

quale soluzione al pignoramento?

  • PRENDI UNA DECISIONE.

Se la soluzione stragiudiziale è la tua scelta falla diventare la tua missione! Niente scuse, niente ma. Sappi che molto probabilmente la tua casa dovrei venderla. Punto.

  • IL TEMPO.

E’ fondamentale muoversi con largo anticipo sulla procedura in corso; meglio sarebbe ancora prima che il giudice emetta il decreto di pignoramento immobiliare.

Prima ti attivi e prima puoi trovare le condizioni ottimali per vendere.

Quando ricevi un decreto ingiuntivo con un termine di pagamento indicato, quello è il primo atto ufficiale di richiesta di rientro. Probabilmente è già stata iscritta un ipoteca giudiziale per lo stesso importo. Il passo successivo è l’atto di pignoramento stesso.

  • I CREDITORI.

Sai esattamente con quanti soggetti sei debitore. Poche storie.

Non ti ricordi? Sei un disordinato cronico? Le lettere, i decreti ingiuntivi e tutto il resto li hai bruciati in un rituale segreto per scacciare il malocchio?

Muovi le chiappe, vai in tribunale e consulta il fascicolo della procedura aperta contro di te.

Contatta tutti i creditori iscritti e chiedi una situazione aggiornata (SCRITTA) del tuo debito con tutte le spese, interessi e more.

  • IL COMPRATORE.

Questa è la parte più difficile. Devi trovare un finanziatore, meglio uno che di mestiere fa questo tipo di operazioni, con cui lavorare insieme. Meglio se onesto e trasparente nel suo operato.

Difficile? Forse. Ne conosci già uno? Bene, vai a parlarci.

Cerca su internet. Ce ne sono a dozzine.

Oppure se vuoi contattami ( info @ enricomagni.com)

Spero di essere stato chiaro, sicuramente colorito, con questo post “fuori dalle righe”, se ritieni possa servire a qualcuno che conosci condividilo come vuoi.

Buona vendita!

Enrico

Tags: , ,

Facebook Comments:

Leave A Reply (No comments so far)

No comments yet

Favicon Plugin made by Alesis